fbpx

IL BLOG DEGLI RHCE ITALIANI

Utilizzo di OpenSSH su RHEL / CentOS 6

Michele Milaneschi

Dopo aver parlato della configurazione di rete su una macchina Linux, oggi daremo spazio a ciò che riguarda l’amministrazione remota di una macchina Linux, parleremo cioè di SSH ( Secure SHell ).

SSH è un protocollo che ci permette di stabilire una connessione remota cifrata a riga di comando verso l’host che vogliamo gestire e amministrare;

Questo è molto importante perchè ci da la possibilità di gestire la macchina anche da una postazione remota.
La porta che viene usata per questo servizio di default è la 22, ma possiamo sempre cambiarla.

Parleremo di SSH facendo uso di OpenSSH: Una suite opensource che rende disponibile le comunicazioni cifrate.

Su di un sistema come prima cosa verifichiamo se è gia stato installato tramite il seguente comando:

rpm -qa | grep openssh-server

sdf

Nel nostro caso come vediamo è gia stato installato.
Nel caso in cui non fosse installato procediamo alla sua installazione:

yum install openssh-server

Avviamo il servizio:

service sshd start

Nel caso in cui dovessimo usare la nostra macchina Linux per connettersi in SSH ad altri host dobbiamo installare anche la versione client di SSH cioè il pacchetto openssh-clients.

La comunicazione SSH avviene tramite una connessione cifrata sia in fase di autenticazione che durante la sessione di lavoro, infatti la comunicazione SSH non si basa solamente sull’indirizzo IP e sulla porta ma viene generata anche una chiave univoca per ogni host che vi si connette.

Nel caso in cui la chiave gia associata ad un host specifico venisse alterata verrà negato l’accesso e si dovrà procedere alla ricreazione di una nuova chiave.

Mettiamo in pratica ciò che è stato detto:

CONNESSIONE SSH DA HOST LINUX

La nostra macchina Linux ha IP: 192.168.0.34

Sono stati creati 2 utenti: michele e nicola a cui vogliamo concedergli l’accesso SSH

L’accesso SSH dei 2 utenti viene effettuato da un altra macchina Linux presente in rete

CONFIGURAZIONE DEL SERVER

Sulla macchina Server ossia 192.168.0.34 installiamo openssh-server e ci assicuriamo che il servizio sia in esecuzione come mostrato sopra.

Creiamo i 2 utenti con relative password:

useradd michele

passwd michele

uten

CONFIGURAZIONE DEL CLIENT

Installiamo openssh-client tramite il seguente comando:

yum install openssh-clients

Fatto ciò effettuiamo l’accesso verso il server con l’utente michele:

La struttura del comando ssh per la connessione è strutturata nel seguente modo:

ssh nomeutente_remoto@ip_remoto
Andremo cosi a scrivere:

ssh michele@192.168.0.34

A questo punto ci verrà posta una domanda, ossia se accettare la chiave che è stata generata sul server altrimenti non ci potremmo connettere, e noi gli diciamo di si. ( YES )
L’associazione dell’indirizzo IP del client con la chiave appena creata viene inserita o aggiunta in un file nella root directory dell’host che ha effettuato la connessioneche si chiama “known_hosts”.

Fatto ciò ci viene chiesta la password precedentemente impostata sul server durante la creazione degli utenti e se tutto ha esito positivo riusciamo a collegarci come mostrato in figura.

ssh

Per vedere l’associazione della chiave andiamo nel root directory del Client precisamente in “/root/.ssh/” e come vediamo il file “known_hosts” contiene l’associazione IP_SERVER – CHIAVE DEL SERVER

sfr

Da questo momento in poi ad ogni successiva connessione non verrà più chiesta la verifica della chiave.

Se invece proviamo ad accedere da un altro host della rete alla prima connessione ci viene sempre richiesta la verifica della chiave.

Vediamo cosa succede se nel server ( 192.168.0.34 ) cancelliamo e ricreiamo la chiave.

La collocazione delle chiavi sul server si trova nel percorso /etc/ssh/ e i file che ci interessano sono:

ssh_host_rsa_key.pub Chiave pubblica ossia quella che dobbiamo accettare in fase di connessione
ssh_host_rsa_key Chiave privata.

Eliminiamo questi 2 file e per la ricreazione riavviamo il servizio SSH:

cd /etc/ssh/

rm ssh_host_rsa_key.pub

rm ssh_host_rsa_key

service sshd restart

A questo punto se dall’ host Client riproviamo ad accedere sempre con l’utente michele vediamo che avremo il seguente messaggio di errore e non potremmo accedere:

ssh3

Questo messaggio ci informa che l’identità ossia la chiave sul server è cambiata e l’associazione IP_SERVER – CHIAVE_DEL_SERVER che si era creata precedentemente nel file “known_hosts” non combacia più, infatti se andiamo a vedere il file “known_hosts” e la chiave pubblica sul server “ssh_host_rsa_key.pub” vedremo che le 2 chiavi sono diverse.

Il file “known_hosts” si trova nella root directory del Client da cui effettuiamo la connessione e per poter ripermettere di nuovo l’accesso dobbiamo cancellare o commentare (#) la linea relativa all’host a cui ci connettiamo ossia 192.168.0.34 come in figura:

ssh4

Fatto ciò al primo tentativo ci verrà richiesto di nuovo di accettare la nuova chiave creatasi sul server.

ssh5

CONNESSIONE SSH DA HOST WINDOWS

Se dovessimo amministrare il nostro server Linux da un pc con un sistema Microsoft ci dobbiamo scaricare un software che si chiama Putty dal seguente sito:

http://www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html

Una volta scaricato aprimo il programma e sulla schermata principale inseriamo l’IP del server:

ssh6

Prima di connettersi potremmo anche salvare l’indirizzo con la relativa porta dandogli un nome in Saved Session e cliccando sul pulsante Save e nella lista sottostante verranno salvate le impostazioni per l’apertura della connessione di modo che al successivo avvio basterà fare doppio click sul nome che abbiamo scelto di memorizzare.

Anche qua il discorso dell’accettazione della chiave alla prima connessione si ripete tramite il seguente messaggio:

ssh7


CONNESSIONE SSH DA HOST LINUX CON CIFRATURA ASIMMETRICA RSA

Abbiamo parlato fino adesso del modo più diretto per connettersi ma per aumentare la sicurezza possiamo sfruttare la cifratura asimmetrica che consiste nell’uso di una chiave pubblica e una chiave privata.

La Chiave Pubblica rimane sul Server e serve per Cifrare mentre la Chiave Privata viene conservata segretamente dall’utente che vuole accedere e serve per Decifrare ciò che viene Cifrato con la relativa chiave pubblica.

Tra le 2 entità transiterà cosi l’hash di un codice che puo essere ad esempio a 2048 bit

Ogni coppia di chiavi è specifica per ogni utente e inoltre possiamo aggiungere anche un eventuale passphare per maggior sicurezza.

L’algoritmo con cui creeremo le chiavi si chiama RSA.

Passiamo alla configurazione.

CONFIGURAZIONE DEL SERVER

Il server ha ip 192.168.0.34

L’utente a cui daremo l’accesso SSH con cifratura asimmetrica è nicola
Creiamo l’utente nicola:

useradd nicola

passswd nicola

uten2

Entriamo con l’utente nicola e iniziamo la creazione delle chiavi a 2048 bit con i seguenti comandi:

su – nicola

ssh-keygen -t rsa -b 2048

ssh8

Ci vengono fatte delle domande:

Dove salvare le 2 chiavi e noi lascieremo che vengano salvati nella home dell’utente nel percorso predefinito.

Un eventuale passphare che volendo possiamo inserirla, dopo di che viene completata la procedura.

ssh9

Ci spostiamo all’interno della directory .ssh nella home dell’utente e vediamo le 2 chiavi:

id_rsa Chiave privata

id_rsa.pub Chiave pubblica

ssh10

Copiamo la chiave pubblica nel file authorized_keys tramite il seguente comando:

cp id_rsa.pub authorized_keys

Adesso copiamo la chiave privata sul Client da cui vogliamo accedere ( 192.168.0.100 ), la copiamo ad esempio nella root directory:

scp .ssh/id_rsa root@192.168.0.100:/root

ssh11
Andiamo a modificare il file di configurazione di SSH ossia sshd_config:

nano /etc/ssh/sshd_config

Metteremo a no il parametro relativo all’accesso senza l’uso delle chiavi cioè PasswordAuthentication:

ssh14

Decommentiamo i parametri relativi all’uso delle chiavi tramite algoritmo RSA e inseriremo il percorso corretto di dove si trova il file “authorrized_keys”

ssh15

Riavviamo il servizio ed il server risulta configurato:

service sshd restart


CONFIGURAZINONE DEL CLIENT

Sul Client andando nella root directory abbiamo la chiave privata appena copiata.

La dobbiamo usare per la connessione al server tramite il comando ssh con l’opzione -i:

ssh -i id_rsa nicola@192.168.0.34

Ci verrà chiesta l’eventuale passphare se l’abbiamo inserita e se tutto va a buon fine siamo entrati.

ssh12

Se proviamo ad entrare senza l’uso della chiave ossia con il comando visto precedentemente ci verrà negato l’accesso:

ssh13

Per uscire dalla connessione SSH una volta terminato il lavoro useremo il comando:

exit

CONNESSIONE SSH DA HOST WINDOWS CON CIFRATURA ASIMMETRICA RSA

Adesso vediamo come poter accedere facendo uso delle chiavi da un client con sistema operativo Microsoft.

CONFIGURAZINONE DEL SERVER

La configurazione sul server rimane tale e quale a ciò che abbiamo fatto prima, l’unica cosa che cambia è l’esportazione della chiave privata al client Windows che possiamo fare nel modo in cui preferiamo.
Da un semplice trasferimento in una chiavetta usb o piuttosto effettuando una condivisione di una rusorsa se gia il Server deve fare questo ad esempio tramite Samba .

CONFIGURAZINONE DEL CLIENT

Sul client Windows una volta che abbiamo prelevato la chiave dal Server e l’abbiamo a disposizione sul nostro Client non possiamo usarla direttamente con il software Putty di cui abbiamo parlato precedentemente ma dobbiamo fare uso di un altro strumento che si chiama PuttyGen scaricabile dal seguente sito:
http://www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html

Questo strumento ci consente di “convertire” la chiave prelevata per renderla utilizzabile al Putty.

E’ una sorta di conversione anche se forse non è il termine adatto, ma lo scopo è quello di poterla rendere utilizzabile al software con cui ci connettiamo via SSH al Server ossia Putty.

Vediamo come procedere:

Dopo averci scaricato PuttyGen lo apriamo e ci carichiamo la chiave al suo interno tramite il pulsante “Load“.

ssh16

Ci verrà chiesta la Passphare nel caso l’avessimo inserita:

ssh17

Fatto ciò ci verrà mostrato un messaggio di notifica con Successo.

Adesso controlliamo i Parametri della finestra:

Il file che andremo a salvare sarà a 2048 bit
L’algoritmo RSA
come è gia selezionato di default nella finestra

Non resta che cliccare su “Save Private Key

ssh18
A questo punto il file che si è creato sarà utilizzabile da Putty.

Apriamo il Putty, inseriamo l’ip del server e invece di cliccare subito sull’apertura della connessione ci spostiamo sul menu a sinistra in SSH — Auth e nella Text Box che vediamo cliccando su Browse andiamo a prelevare la chiave che abbiamo salvato.

ssh19
Apriamo la connessione e se tutto è andato bene vedremo che la chiave sarà accetta e ci chiederà l’eventuale inserimento della Passphare:

ssh20


SSH PORT FORWARDING

Parlando di SSH non possiamo fare a meno di parlare dell’ SSH Port Forwarding.

Per SSH Port Forwarding intendiamo la creazione di un “tunnel” di connessione protetto dove al suo interno faremo passare una connessione che non è protetta.

Un esempio potrebbe essere quello di far passare all’interno del tunnel una sessione di VNC piuttosto che di un SMTP di posta e cosi via.

Si crea una connessione sicura, quindi un tunnel per tutte quelle connessioni che non risultano essere protette di per se ma che viaggiando all’interno della connessione lo diventano.

Vediamo come procedere.

Praticamente apriamo una porta locale che non è utilizzata da altri servizi e creiamo un tunnel per far redirigere le connessioni effettuate su quella porta verso il server remoto.

Immaginatevi di avere 3 host: pc1, pc2 e pc3 ( nel nostro caso fanno parte di una LAN interna )

pc 2 e pc3 sono 2 macchine Linux che comunicano tra di loro
pc1 deve poter gestire pc3 ma non può connettersi direttamente, deve passare per forza da pc2

Quindi:

pc2 aprirà una porta locale e creerà il tunnel di connessione verso pc3

pc1 si connette alla porta locale di pc2 che forwarderà la connessione verso pc3

Nel momento in cui pc2 chiude la connessione il collegamento di pc1 cade.

La struttura del comando per eseguire questa operazione è la seguente:

ssh -L porta_locale:localhost:porta_remota host_remoto

Facciamo un esempio pratico:

Vogliamo aprire la porta locale 14223
Tutte le connessioni sulla porta 14223 devono raggiungere il Server ( 192.168.0.34 ) sulla porta 25

Per fare questo dobbiamo eseguire il seguente comando: !!!!!ATTENZIONE!!!!
Questo comando non va eseguito sul Server ma sull’host che ci permetterà di accedere al Server, nel nostro caso è una macchina Linux che fa parte della rete interna ( pc2 ).

ssh -L 14223:localhost:25 192.168.0.34

sh1

Per avere la conferma dell’avvenuta creazione del tunnel usiamo il comando netcat nc:

sh2
Facciamo un esempio più chiaro:
Lo facciamo con SSH, che nonstante sia cifrato di suo ci serve per capire il concetto.

Su un host ( 192.168.0.100 ) apriamo la porta locale 14223 con cui verrano forwardate le richieste verso il server 192.168.0.34 sulla porta 22.
L’utente che deve usufruire di questa connessione si chiama pippo.

Sulla macchina 192.168.0.100 daremo il seguente comando:

ssh -L 14223:localhost:22 pippo@192.168.0.34

A questo punto chi vuole entrare in SSH sull host 192.168.0.34 deve passare per forza da 192.168.0.100 che è l’unico a fornirgli il collegamento.

Quindi chi dovrà connettersi a 192.168.0.34 entrerà in 192.168.0.100 con una normale connessione SSH.
Dopo di che si connetterà al localhost ( 127.0.0.1 ) in SSH sulla porta locale 14223 con il nome utente nicola e sarà forwardato a 192.168.0.34.

Riassiumiamo il tutto in questo screenshot:

sh4

 

SICUREZZA SSH

Per concludere il discorso SSH parliamo di come poter rendere sicuro l’uso di questo servizio.
Facciamo un elenco delle cose per renderlo maggiormente sicuro:

Detto questo vediamo come mettere in pratica ciò che abbiamo appena detto, saltando la cifratura che abbiamo gia visto.
Vi ricordiamo che per ogni modifica effettuata per vedere se è andata a buon fine va riavviato ogni volta il servizio SSH tramite il comando:

service sshd restart

Per non permettere la login dell’utente root andiamo nel file di configurazione di SSH in “/etc/ssh” esattamente nel file sshd_config.
Decommentiamo la linea PermitRootLogin e la settiamo a no

sh5

Riavviamo il servizio e come vediamo non potremmo accedere come utente root
sh6


Vediamo come cambiare porta
e come collegare questa cosa al firewall iptables:
Andiamo a lavorare sempre sul file sshd_config
Decommentiamo la linea relativa e la impostiamo ad esempio a 4222

sh7

Riavviamo il servizio e se proviamo a connettersi sulla 22 riceviamo un errore:

sh8

Oltre a questo che potrebbe essere banale questa cosa ci protegge in parte.
Se da un altro host della rete facciamo una scansione con nmap generica vediamo che non ci da nessuna porta aperta.

nm2

Se la facciamo sulla porta 22 ci dice che risulta essere chiusa

nm3

Ma se la facciamo specificando tutto il range di porte vediamo che alla porta 4222 esce fuori tutto, pure il banner che identifica la versione di OpenSSH che usiamo e questo può essere un buco di sicurezza

nm4

Potremmo quindi inserire in iptables una Policy di DROP nella catena di INPUT, e un paio di regole dove in una gli diciamo di accettare la connessione solamente da certi host tipo una cosa del genere:

iptables -P INPUT DROP
iptables -I INPUT 1 -m state –state RELATED,ESTABLISHED -j ACCEPT
iptables -A INPUT -p tcp -s 192.168.0.2 –dport 4222 -j ACCEPT

Questo comporta di avere non più una porta completamente aperta ma FILTRATA e per di più con la Policy a DROP non verrà identificato nessun Banner e il servizio annesso a quella porta rimarrà sconosciuto come in figura.

nm5
Per concludere vediamo come limitare il numero di tentativi e di sessioni tramite 2 voci presenti nel file sshd_config:

MaxAuthTries: Ci indica il numero massimo di errori di inserimento della login SSH, ossia una volta aperta la sessione SSH ad esempio tramite Putty quante volte ci è consentito inserire la login a causa ad esempio di errori di digitazione sulla tastiera

Se inseriamo questo valore a 2 vediamo che anche se lo username è corretto al secondo tentativo di inserimento password sbagliata veniamo buttati fuori.

ma1

Riavviamo il servizio e come vediamo al secondo tentativo errato veniamo buttati fuori.
ma2

Vediamo adesso l’altro parametro:

MaxStartups: Ci indica il numero di sessioni che possiamo aprire verso il server a cui ci vogliamo collegare in SSH ma senza aver effettuato nessun tentativo di login. Ci si basa sulle richieste di connessione.

ma4

Se impostiamo il valore a 3 e riavviamo il servizio quando andiamo a eseguire più di 3 sessioni ad esempio con il nostro Putty all’apertura della quarta sessione ci darà un errore

ma3
Infine il file di log degli accessi si trova in /var/log/secure.

shl

Info about author

Michele Milaneschi

RHCE Consultant

Prenota subito il tuo corso ufficiale Red Hat

GUARDA I CORSI