fbpx
La formazione ufficiale Red Hat

DO080

Deploying Containerized Applications Technical Overview

PREREQUISITI
Non ci sono prerequisiti necessari per seguire questo corso; è comunque consigliata una conoscenza basilare di Linux e della riga di comando
DURATA
30 giorni dalla sottoscrizione
PREZZO (per persona)
Gratuito
MODALITÀ DI EROGAZIONE

Questo corso presenterà le peculiarità dei container Linux e della tecnologia di orchestrazione dei container tramite Podman, Kubernetes e Red Hat OpenShift Container Platform  (OCP), nella versione 4.1.

Il corso comincia dissipando i dubbi attorno alle analogie e differenze tra container e macchine virtuali, ponendo l’accento sulle questioni dello sviluppo software che i primi riesco ad agevolare.

Dopo una comparazione tra l’approccio tradizionale e quello a container, approfondiremo l’architettura sottostante, con accenni alla gestione di Name Space, Control Group e delle tecnologie SECCOMP e SELinux. Passeremo poi a introdurre la terminologia dell’ecosistema legato ai container e vedremo quali sono i principali Registry dai quali attingere le immagini per i nostri container.

Passeremo quindi a parlare dello strumento fondamentale per gestire i nostri container, Podman, che si conforma con la specifica della Open Container Initiative (OCI); in particolare, vedremo come interagisce con i registry, le immagini e i container.

Dopo aver visto come gestire un container, avremo le basi per compiere un passaggio fondamentale che ci avvicinerà all’orchestrazione: vedremo le problematiche della gestione manuale dei container e mostreremo i vantaggi dell’uso di una piattaforma che gestisca l’allocazione di risorse, lo scaling, il controllo sulla salute dei nostri servizi e il roll-out degli aggiornamenti.

A questo punto, parleremo prima dell’orchestratore Kubernetes e della piattaforma OCP, che si fonda su di esso. Vedremo il funzionamento di questa piattaforma con un esempio di provisioning di un database server containerizzato.

Continueremo spiegando come sia possibile per uno sviluppatore creare una immagine contenente la propria applicazione, illustrando la sintassi dei Dockerfile, e come importare file, condividere directory ed esporre porte tra container ed host.

Avremo ora gli strumenti per effettuare la creazione di risorse di base nelle piattaforme Kubernetes e OpenShift Container Platform, a questo punto vedremo concetti più astratti come nodi master, worker e servizi. Dopo un accenno alla piattaforma CoreOS esamineremo l’utilizzo dello strumento da riga di comando “oc”, usato per la gestione della nostra app su OCP.

Prenderemo le distanze dalla infrastruttura sottostante OpenShift e porremo l’enfasi sulle facility messe a disposizione da OCP agli sviluppatori, come Image Stream, Config Map, e soprattutto Source-to-Image (S2I); quest’ultima tecnologia sarà applicata a diversi casi d’uso, tra cui l’esposizione di un servizio con rotte e l’hook da un repository Git.

Vedremo le rotte in OCP, ovvero le risorse che permetteranno ai nostri servizi di essere raggiungibili dall’esterno della piattaforma e ne daremo una breve dimostrazione.

Infine useremo la console web di OpenShift Container Platform per creare un’applicazione, illustrando come la maggior parte delle operazioni di amministrazione della propria applicazione siano attuabili dalla console, senza ricorrere alla riga di comando.

Acquista il corso DO080

Deploying Containerized Applications Technical Overview

Lasciaci i tuoi dati! Entro al massimo una giornata lavorativa, ti ricontatteremo per fornirti tutte le indicazioni per acquistare il corso che hai scelto

NOME *

COGNOME *

TELEFONO *

MAIL *

LOCALITÀ-DATA

Conferma di aver preso visione della normativa sulla privacy ed esprimi il consenso al trattamento dei tuoi dati personali.